La Russia come centro dell'arte contemporanea

Gli artisti russi sono conosciuti in tutto il mondo e vengono spesso considerati i fondatori dell'arte moderna

L'arte moderna, o meglio il fenomeno della contemporary art, inizia con l'avanguardia russa. Malevič, Kandinskij, Tatlin, Rodčenko, Vertov; senza di loro sarebbe impossibile immaginare l'arte occidentale del XX secolo. La rivoluzione nell'arte degli anni'60, che spesso rappresenta una svolta nei confronti di avvenimenti, action, spettacoli, è "nata" anche grazie alla cultura delle provocazioni dei futuristi e degli oberiutiani. La cortina di ferro, tuttavia, per lungo tempo ha tenuto gli artisti russi fuori dal contesto mondiale. Come viene presentata l'arte contemporanea nella Russia post-sovietica e dove si può vederla?

Dall'underground ai principali siti del Paese

L'arte russa contemporanea per molti aspetti eredita le tradizioni dell'underground sovietico. Le "installazioni totali" di Ilya Kabakov immergono lo spettatore nella forma del mondo comune, mentre le sue opere, come quella dove accanto ad una mosca si trova incollata una scritta stampata in grassetto "Di chi è questa mosca?" "Questa mosca è di Olga Leshko", distorgono fino all'assurdo i principi della vita comune sovietica. La Sots Art di Erik Bulatov sovrappone gli slogan e i manifesti sovietici allo spazio e al paesaggio urbani fino al punto che l'invasione della burocrazia nella natura e loro incompatibilità essenziale diventano visibili. Gli sticogrammi di Dmitrij Prigov che riproducono tipiche frasi o parole sovietiche da copertine di riviste, attraverso la ripetizione e gli arrangiamenti geometrici su un foglio acquisiscono un nuovo significato per se stessi. E nelle "Azioni collettive" di Andrei Monastyrsky, in particolare nei suoi "viaggi fuori città", gli spettatori, dopo aver attraversato un enorme campo, ricevono un biglietto sul quale c'è scritto che essi sono presenti a questo evento di tale numero ecc o vedono alla fine del bosco uno striscione "IO NON MI LAMENTO DI NIENTE E MI PIACE TUTTO, NONOSTANTE IL FATTO CHE IO NON SIA MAI STATO QUI E NON SO NIENTE DI QUESTI LUOGHI "... Il concettualismo di Mosca è spesso definito la seconda avanguardia russa. Gli artisti di questo movimento hanno portato avanti la linea di politicizzazione dell'estetica proposta nel modernismo, e hanno anche sperimentato la forma dell'arte ma al posto della visione utopica della modernità essi hanno offerto una posizione critica largamente anti-utopica. Sezionando il linguaggio ideologico sovietico, hanno mostrato l'insensatezza e la disumanità della vita collettivistica attorno a loro e hanno cercato di superare la natura impersonale, accettata nella società, della comunicazione.

Una volta costretta ad essere solo un'underground, oggi l'arte del concettualismo di Mosca occupa un posto significativo nei musei di tutto il mondo e viene spesso mostrata nei musei russi.

Una volta costretta ad essere solo un'underground, oggi l'arte del concettualismo di Mosca occupa un posto significativo nei musei di tutto il mondo e viene spesso mostrata nei musei russi.

Actionismo e performances

La svolta performativa, ovvero la transizione dall'arte come creazione di artefatti, dipinti o sculture, all'arte dell'azione, ovvero quando l'opera stessa è considerata un'opera eseguita dall'artista e il materiale è il suo corpo, raggiunse il suo apice in Russia dopo la perestroika. Solo allora infatti il realismo socialista cessò di essere il principale e solo stile approvato dallo stato e iniziarono a circolare in Russia le informazioni sul processo artistico in atto a quei tempi in Europa e in America. Continuando la linea dei futuristi da un lato, e degli esecutori occidentali degli anni '60 e successivi dall'altro, gli artisti russi negli anni '90 e 2000 ripensarono la nozione stessa di arte, uscendo sempre di più nel campo pubblico e interagendo spesso direttamente con gli spettatori.

E così ad esempio Oleg Kulik è diventato un "cane-uomo" al guinzaglio e a quattro zampe il quale, abbaiando e correndo verso le persone, si esponeva spesso e volontariamente ai più rischiosi contatti diretti con i visitatori. Alexander Brener ha invitato Yeltsin ad un incontro di boxe proprio sulla Piazza Rossa e una volta ha interrotto le esibizioni dei poeti popolari, facendo, in questo modo, dell'arte stessa una rottura di un'altra arte. Elena Kovylina ha offerto al pubblico del caviale camminando sul vetro, ha invitato i volontari a bere il thè con lei dando poi fuoco al tavolo, senza interrompere la conversazione. Lisa Morozova ha invitato i telespettatori ad appendere letteralmente gli spaghetti in un museo o a sperimentare l'esperienza di una stretta di mano intima, trovandosi separati l'uno dall'altro da un muro nero, in modo che al posto del visivo ci fosse solo l'esperienza tattile. Leaction di Peter Pavlensky e del gruppo "Vojna" sull'orlo dell'attivismo politico e delle performance, hanno polemizzato contro tutti i possibili divieti etici ed estetici.

C'è una assuefazione della cultura pop, un giocare con le sue tecniche e immagini. Vladislav Mamyshev-Monroe si è reincarnato in diverse figure dei media, da Marilyn Monroe e l'attrice sovietica Lyubov Orlova alle politiche Valentina Matvienko e Yulia Tymoshenko.

Dagli anni 2000 il genere della performance delegata, ovvero quando l'action viene eseguita non dall'artista stesso, ma da artisti da lui scelti e che osservano le sue istruzioni, si sta sviluppando attivamente in tutto il mondo. Contemporaneamente il genere artistico delle performance è entrata a far parte anche nel mondo del teatro, sia nella sua forma drammatica, sia nei musical e nella forma della danza. Dal 2010 si svolge il festival delle performance al Meyerhold Theatre Center, e uno dei premi più importanti nel campo dell'arte contemporanea, ovvero il premio Kuryokhin, premia ogni anno, senza distinzione, sia artisti della "contemporary art" che quelli di teatro.

Allo stesso tempo, oggi gli artisti dedicano molta attenzione ai media, lavorando molto sia con la video-arte tradizionale, sia con le nuove tecnologie online. I media non si oppongono alla loro "presenza viva", anzi la rafforzano, esplorano la natura stessa della realtà espansa. L'archivio più completo di opere multimediali e pubblicazioni dedicate agli artisti dei media si trova nella pagina del centro "MediaArtLab".

Allo stesso tempo, oggi gli artisti dedicano molta attenzione ai media, lavorando molto sia con la video-arte tradizionale, sia con le nuove tecnologie online. I media non si oppongono alla loro "presenza viva", anzi la rafforzano, esplorano la natura stessa della realtà espansa.

I nomi principali della scena artistica russa contemporanea

Oggi a Mosca continuano a riscuotere successo concettualisti come Viktor Pivovarov, Yuri Albert, Vadim Zakharov e Irina Nakhova.

Anatolij Osmolovskij, un pioniere del movimento actionista di Mosca degli anni '90, attraverso la creazione di un'arte non-spettacolare (cioè l'arte che rifiuta la spettacolarità e la teatralità e si immerge nella vita ordinaria senza alcun tipo di marker espositivi), partendo da zero oggi la sua arte è esposta in tutto il mondo E inoltre adesso dirige l'Istituto di Arte Contemporanea "Baza".

La figura, senza la quale è impossibile immaginare l'arte russa degli ultimi 30 anni, è l'artista e critico d'arte Dmitrij Gutov.

Nel campo delle istallazioni prevale invece Irina Korina. Nel mondo dei video troviamo invece Victor Alimpiev, Yakov Kazhdan, il gruppo "Nasi Blu", "Provmyz". Leonid Tishkov espone dipinti e oggetti surreali. Il gruppo più famoso del mondo AES + F crea una serie di progetti multimediali che fondono provocatoriamente le immagini visive ideali con quelle tabù, fondamentali per i temi della società occidentale, attraverso effetti speciali inaspettati.

Chaim Soko esplora i temi della memoria collettiva e del trauma.

Dove è possibile vedere opere di arte contemporanea?

I principali siti di arte contemporanea si trovano nella capitale.

A Mosca ci sono il Museo di Arte Moderna di Mosca (MMOMA) con i suoi numerosi locali e mostre e progetti didattici costantemente aggiornate e il Museo "Garage", situato nel Parco Gorky di fronte alla nuova Galleria Tretyakovskij, ovvero la principale collezione di arte russa del XX secolo. Vicino al parco dove si trova il "Muzeon" ci sono anche il Museo di Mosca e il Centro di fotografia "Lumiere" sull'isola di Bolotnoy, che formano quasi un comodo percorso culturale. Il Multimedia Art Museum di Ostozhenka ospita principalmente mostre fotografiche ma non solo. Il Centro d'arte contemporanea Vinzavod, aperto più di dieci anni fa sul territorio di ex zona industriale, comprende ora 11 gallerie e insieme al cluster creativo Artplay formano un moderno quartiere artistico nell'area attorno la fermata della metropolitana "Kurskaya", fornendo cosi un chiaro esempio di trasformazione radicale dello spazio urbano. In vari luoghi della città si svolgono inoltre diverse mostre organizzate dalla fondazione internazionale V-A-C. Periodicamente, l'arte contemporanea viene esposta anche nel Museo Pushkin e nel padiglione de "L' operaio e la kolchoziana" all'interno del parco VDNKh. Mostre di arte contemporanea, principalmente in stile media, si svolgono nella nuova ala della Casa Museo di Gogol, altre esposizioni e spettacoli nel New Space Theatre of Nations La galleria sulla Solyanka offre invece, oltre alle mostre, anche una scuola di performance. Nel Centro Culturale ZIL organizzano spesso spettacoli-performance di danza. Il Centro Statale di Arte Contemporanea (GZSI) organizza mostre, lezioni e seminari sia a Mosca che in altre città: Nizhny Novgorod, Ekaterinburg, Kaliningrad, Tomsk, Samara, Vladikavkaz, San Pietroburgo.

Il luogo centrale per l'arte contemporanea a San Pietroburgo è la sede dell' Hermitage. Proprio a San Pietroburgo, sull'isola Vasilievsky, si trova il più grande museo privato di arte contemporanea in Russia: il museo "Erarta". Tra le gallerie che ospitano regolarmente mostre troviamo invece la galleria di Marina Gisich e quella di "Anna Nova". L'unico museo di arte di strada del paese si trova nella parte orientale della città.

Il più importante progetto regionale nel campo dell'arte contemporanea è l'annuale Biennale Industriale degli Urali. Nel parco artistico "Nikola-Lenivets" nella regione di Kaluga si possono vedere istallazioni public e land-art; sempre qui due volte l'anno si svolge il festival di arte paesaggistica "Archstoyanie".

A Voronezh ci sono molte mostre d'arte contemporanea durante il Festival Platonov. Altri spettacoli frequenti e mostre si svolgono nel corso del Festival Internazionale di Diaghilev, a Perm. Sempre nella città di Perm si trova anche il Museo di Arte Contemporanea PERMM. L'arte del sud della Russia è rappresentata nel Museum of Contemporary Fine Art sulla Dmitrovskaya a Rostov-Sul-Don, il primo museo privato in Russia. A Kazan i migliori progetti sono realizzati dalla Fondazione per il sostegno all'arte moderna "Città viva" e dal Centro per la cultura contemporanea "Smena".

Per scoprire nuovi nomi nel campo dell'arte contemporanea russa vi consigliamo di seguire le nomination del Premio "Innovazione" e del Premio Kandinsky.

Articoli

"La Collana d'argento della Russia": un fantastico viaggio attraverso la Russia del nord

La "Collana d'argento della Russia" può essere definito un analogo del famoso percorso turistico "Anello d'oro", con l'unica differenza che tutti i suoi punti si trovano nel nord-ovest del Paese.

La Russia e la musica I 10 festival più interessanti dell'estate 2018

La strada, la musica, l'avventura, decine di nuove amicizie e l'estate.

L'Artico russo: il viaggio dei sogni

Il Passaggio a nord-est è la via più breve tra la parte europea della Russia e l'Estremo Oriente.

Vivere la vita con il gusto e con il tatto

Il turismo etnografico, quello degli eventi, e quello artigianale oggi sono molto alla moda, ed è abbastanza comprensibile il perché.

La cucina russa non tradizionale

Molti ritengono che la cucina russa comprenda solo vodka, bliny, caviale e torte, pelmeny e zuppa borsh.

I migliori posti in Russia per una vacanza in compagnia

Per vivere un'esperienza indimenticabile in viaggio attraverso la Russia, è meglio venire qui in grande compagnia.

"La Collana d'argento della Russia": un fantastico viaggio attraverso la Russia del nord

La "Collana d'argento della Russia" può essere definito un analogo del famoso percorso turistico "Anello d'oro", con l'unica differenza che tutti i suoi punti si trovano nel nord-ovest del Paese.

La Russia e la musica I 10 festival più interessanti dell'estate 2018

La strada, la musica, l'avventura, decine di nuove amicizie e l'estate.

L'Artico russo: il viaggio dei sogni

Il Passaggio a nord-est è la via più breve tra la parte europea della Russia e l'Estremo Oriente.

Vivere la vita con il gusto e con il tatto

Il turismo etnografico, quello degli eventi, e quello artigianale oggi sono molto alla moda, ed è abbastanza comprensibile il perché.

La cucina russa non tradizionale

Molti ritengono che la cucina russa comprenda solo vodka, bliny, caviale e torte, pelmeny e zuppa borsh.

I migliori posti in Russia per una vacanza in compagnia

Per vivere un'esperienza indimenticabile in viaggio attraverso la Russia, è meglio venire qui in grande compagnia.

Altri articoli

Russia.Travel

Visita la Russia!