Il Festival del 'Cerchio della Luce'

Non si può vivere a Mosca e non aver visitato almeno una volta il festival "il Cerchio della Luce". Questo evento, si svolge ogni autunno sotto la guida del Dipartimento dello Sport e del Turismo di Mosca. Su famosi edifici di Mosca, il Teatro Bolshoi, l'edificio principale dell'Università statale di Mosca, i padiglioni VDNX e i complessi architettonici dei parchi vengono proiettate immagini di luce e cartoni animati. Nel 2015, il festival "Il Cerchio della Luce” è stato incluso nel Guinness Book of Records nella nomination "la più grande proiezione video". L’ anno dopo il festival, secondo il sito web dell'evento, è stato visitato da più di 212 mila persone.

Il festival "Il Cerchio della Luce” è colorato, insolito, diversificato. Le sue strutture sono aperte di notte, e per questo è particolarmente interessante ammirarle in un parco di Mosca, dove gli organizzatori non solo organizzano spettacoli di luci, ma creano anche sculture luminose. Ad esempio, grazie al festival, nel novembre del 2015, i visitatori del parco "Tsaritsyno" hanno potuto ammirare sculture sul tema "Amore". Uno di loro ha riscosso molto successo. La scultura metallica rappresenta un uomo e una donna, seduti di spalle uno all’altro. E dentro di loro ci sono piccole figure luminose di bambini e bambine che si tengono le mani.

Nell'autunno del 2016 alle porte del parco "Zarina" si potevano guardare cartoni animati, e sulla facciata dell’ Università Statale di Mosca una breve storia della Russia in immagini di luce: dalle stelle rosse sovietiche ai festival di Mosca. Una parte significativa del pubblico si riunisce di fronte al Teatro Bolshoi ogni anno, essendo il luogo più popolare del festival “Il Circolo della Luce”. Sulla facciata del teatro vengono mostrati dipinti astratti, che dimostrano l'abilità dei tecnici dell'illuminazione, con le colonne che cambiano di posto muovendosi lungo la parete della struttura. Successivamente, le colonne si trasformano in alberi rosa, tra i quali si aggrava la nota eroina dell’opera Georges Bizet Carmen, e poi comincia la tempesta: le onde traboccano sulla piazza e sulla facciata si illuminano i fulmini. Per finire, il gran finale per il pubblico: il crollo del Teatro Bolshoi e il suo successivo restauro. Gli spettatori applaudivano.

“Le meraviglie del video-mapping (l'arte di creare proiezioni 3D su un oggetto fisico) sono ogni anno più fantasiose e sconvolgenti ", hanno notato i giornalisti.

Ogni anno, il festival è visitato da maestri di video-mapping provenienti da diversi Paesi: Cina, Spagna, Germania, Francia, Gran Bretagna. Riconoscono che la festa Russa di luce ed illuminazione è una delle più grandi e più diversificate del mondo. Inoltre, in parte grazie a questo, così come altri festival di strada "Le Stagioni di Mosca", "Viaggio a Natale" (festa dei luoghi d'arte di Mosca dedicato alle vacanze invernali), "Tempi e le epoche" (un evento dedicato alla storia dell'antica Russia), "Torre Spasskaya" (Festival delle Orchestre Militari), gli stranieri non associano più Mosca solo con il Museo Pushkin, la Piazza Rossa e la Galleria Tretyakov.

Nel 2017, il festival si terrà a Mosca il 25 e il 26 novembre.

Eventi

TEMPI E EPOCHE
'Vele Scarlatte'
'Archstoyanie'
Park live 2018
ll festival della 'Torre Spasskaya'
Pasqua
Capodanno
Maslenitsa in Russia
Elbrus
Vorrei andare in cielo
Altri eventi

Russia.Travel

Visita la Russia!