'Archstoyanie'

un luogo dove l'arte incontra l'odore di un incendio

Negli eclettici 2010s la tenda, il materasso, gli stivali di gomma non solo servono per le escursioni e per andare in campeggio, ma anche per tristemente tirare dal fuoco "Isgib gitari zhelty". Tutto questo e torce elettriche, sedie, termos e uno stock di buon vino potrebbero tornare utili se si decide di andare... al museo. Al più grande museo all'aria aperta in Europa: il Nikola-Lenivets.

È cosí definito il piccolo villaggio nella regione di Kaluga, a poco più di 200 km da Mosca. Tuttavia, negli ultimi quindici anni è stato quasi interamente inglobato dal parco d'arte, che copre 600 ettari di boschi e campi.

In assoluta aria aperta, come se venisse fuori dalle pagine della guida sulla Russia, bordi di boschi e prati erbosi surreali, e oggetti d’arte incredibilmente magnetici del famoso paesaggista Nikolay Polissky e dei suoi colleghi.

L’accogliente faro di legno sulla pendenza della riva dell’ Ugra, la complessa e gigante Mente Universale ai margini del bosco, l’indifesa rotonda bianca nel mezzo di un campo di girasoli, l’arco monolitico nei boschi, apparentemente senza fine: le quattro ore per salire le difficili strade vicino Mosca, valgono la pena per vedere tutto questo.

A Nikola-Lenivets ci sono un paio di dozzine di case in cui ci si può fermare. Case senza servizi. Tuttavia, la doccia e il WC si trovano in edifici indipendenti e sono sempre puliti e con acqua calda. Per coloro che amano trascorrere la notte in tenda e fare il tè sul fuoco, ci sono diversi siti per campeggiare.

Inoltre, esistono vari bar, noleggi di biciclette (la distanza tra questi è abbastanza decente), una fattoria dove si possono gustare prodotti freschi coltivati o cacciati localmente.

Il parco è aperto tutto l'anno, ma in realtà si ravviva alla fine del mese di luglio, quando gli amanti dell'arte della capitale e non solo, si riuniscono qui per il festival annuale "Archstoyanie".

Negli angoli più inaspettati della foresta, appaiono nuove sculture, oggetti e forme architettoniche. All'ingresso principale del parco si parcheggiano molti foodtruck, dando all’ ambiente autunnale l’odore mozzafiato di hamburger freschi e falafel. Nelle zone sena ghiaccio vengono posti bar pop-up con musica e risate ovunque.

Tutti e tre i giorni del festival, che tra l'altro, si svolge con qualsiasi condizione atmosferica, i visitatori del parco possono godersi la natura, l'arte, un senso di libertà e fiducia assoluta allo stesso tempo.

Il tono è fissato dagli organizzatori del festival e dai curatori del parco. "Ricorda: quando arrivi a Nikola-Lenivets, diventi parte di questo posto. Noi ci fidiamo di te", dice la voce registrata sul sito di Nikola-Lenivts. E i visitatori se lo ricordano e giustificano la fiducia. Nessuno lascia immondizia, non si discute e non si interferisce con il riposo degli altri. Si può tranquillamente lasciare la tenda con tutto dentro senza temere che qualcosa andrà perduto. Di notte, camminando nel bosco al buio pesto, non ci si spaventa ad incontrare estranei, perché questi semplicemente vi sorrideranno.

L'arte di Nikola-Lenivets è raramente politica, ma quasi sempre acuto-sociale, che tratta di temi esistenziali eterni. Ad esempio, "Come vivere?" E "Rifugio", sono stati il tema di "Archstoyanie" nel 2017 e nel 2016. Il festival ti fa riflettere e ti dà abbastanza tempo e spazio per comprendere te stesso; quando si va via ci si sente solitamente una persona diversa.

Potete vedere la strada e prenotare l'alloggio a Nikola-Lenivets nel sito ufficiale del parco nikola-lenivets.ru. I biglietti per "Archstoyanie" e il poster sono disponibili sul sito web del festival arch.stoyanie.ru.

Eventi

TEMPI E EPOCHE
'Vele Scarlatte'
Park live 2018
ll festival della 'Torre Spasskaya'
Pasqua
Capodanno
Maslenitsa in Russia
Il Festival del 'Cerchio della Luce'
Elbrus
Vorrei andare in cielo
Altri eventi

Russia.Travel

Visita la Russia!