Una Russia stupefacente

Per la maggior parte degli stranieri la Russia è associata con le chiese in pietra bianca, le capanne di legno, donne affascinanti con il copricapo e altre caratteristiche tipiche slave. Tuttavia, la cultura del nostro paese è molto più connessa all'Occidente di quanto potrebbe sembrare a prima vista. Basta guardare le fortificazioni di Konigsberg (gli abitanti del luogo ancora chiamano così Kaliningrad), oppure i reperti archeologici scandinavi sul territorio di insediamento di Rjurik, o la ricchissima collezione d'Arte europea nel Museo di Pushkin e nell'Hermitage. Certo, non sono i soliti stereotipi. E questo può davvero sorprendere.

Kaliningrad: l'Ovest Russo

Kaliningrad, l'ex città prussiana-orientale di Koenigsberg, è la città più occidentale della Russia. Qui si intrecciano la cultura europea, quella russa e quella sovietica, e l'antica architettura gotica si mescola ad edifici moderni.

Il simbolo della città è la Cattedrale. Si trova nel quartiere storico, sull'isola Kneiphof ( con il nome popolare di "isola di Kant": qui si trova la tomba del filosofo Immanuel Kant, un cittadino onorario di Konigsberg. La cattedrale fu costruita nel XIV secolo in stile gotico Baltico. La cattedrale non svolge l'attività religiosa, ma il museo funziona e spesso si svolgono concerti. La ricca decorazione è stata quasi completamente distrutta durante la seconda guerra mondiale, tuttavia si sono conservati gli epitaffi in pietra medievale e la torretta interna di archi a sesto acuto intrecciati.

L'architettura unica della città è data da una varietà di installazioni militari, come ad esempio le porte Friedrichsburg, che sono state costruite nel XIX secolo e prendeno il nome dalla fortezza ormai in rovina. In città sopravvivono molte chiese che non sono sempre utilizzate per il loro scopo primario. Ad esempio, la Chiesa della Sagrada Familia, costruita nei primi anni del XX secolo in stile neogotico dal famoso architetto Fridriha Haytmanna, oggi ospita la sala concerti della Società Filarmonica regionale.

In città si trovano musei unici. Ad esempio, il Museo dell'Ambra, aperto nel 1969 nella Torre del Don con le porte di Rosgarten, una delle strutture difensive della città. Nei pressi di Kaliningrad si trova il più grande deposito di gemme Baltiche. Il museo presenta prodotti d'ambra, tra cui opere d'arte realizzate da artisti. In città si trovano anche il primo Museo in Russia dell'Oceano Mondiale. Le esposizioni raccontano la navigazione, la vita e la fauna marina. Qui si possono vedere navi da museo, un sottomarino, uno scheletro di balena, una collezione di antichi cannoni e ancore.

Dalla prima primavera al tardo autunno, l'antico giardino botanico, la cui collezione comprende più di 2500 piante, è aperto ai visitatori. Tutto l'anno si può fare una passeggiata attraverso il Parco Centrale. Suddiviso per principi inglesi, si chiamava in precedenza Luizanval e dall'inizio del XIX secolo era la residenza ufficiale della famiglia reale prussiana. Nel parco c'è un monumento, dedicato alla memoria della regina Luisa (ora nel suo edificio c'è il teatro delle marionette), così come i monumenti in nome di Vladimir Vysotskom e del Barone di Munchausen.

Kaliningrad (ex Kenigsberg) è la città più occidentale della Russia. Qui si intrecciano la cultura europea, quella russa e  quella sovietica, e l'antica architettura gotica si mescola ad edifici moderni

Annualistica Russa

Per vedere con i propri occhi i luoghi in cui sono state poste le fondamenta dello stato Russo, vale la pena visitare le antiche capitali della parte nordoccidentale del Paese.

Staraya Ladoga è stata la prima capitale della Russia e fa parte del persorso "dai varangiani ai greci". Oggi è un piccolo villaggio. Qui nel 862, è arrivato su chiamata desli Slavi il principe dei variaghi (scandinavo) Rjurik. Secondo la leggenda, la prima fortezza in legno a Ladoga è stata costruita da Oleg di Kiev, e qui si trova oggi la sua tomba. Oggi nella parzialmente restaurata fortezza Staroladozhskaya ci sono aree attribuite al XII secolo.

Un'altra costruzione dello stesso tempo è la chiesa di San Giorgio, dove si possono vedere i dipinti murali del XII secolo e l'immagine più antica di San Giorgio in Russia. Il museo della Torre Vorotnaya della fortezza racconta la storia del luogo e introduce ad una ricca esposizione. A Ladoga vengono organizzati festival di ricostruzione storica medievale.

Velikji Novgorod è a capo delle terre russe settentrionali, una delle città più antiche e belle della Russia. Fondata nel IX secolo come residenza del principe Rjurik, era la città mercantile più ricca. Fortemente danneggiata durante la seconda guerra mondiale, dopo il restauro del centro storico si è trasformata in una zona accogliente per il turismo. Nella città vale la pena visitare il Cremlino, una fortezza di mattoni rossi sulle rive del fiume Volkhov. Sul suo territorio si trova la Cattedrale di Sophia (1045), un grande tempio rigoroso, semplice, a cinque cupole, circondato da gallerie.

Come si può apprendere in dettaglio nel Museo delle icone, che detiene una delle migliori collezioni in Russia, Novgorod è stato il centro dell'iconografia. Molte chiese del XII secolo sono situate sul Castello di Yaroslav (1113), la bellezza paesaggistica e architettonica è sorprendente, con il Monastero di S.Giorgio e il Monastero di Pervyn nei pressi del lago Ilmen. Vicino al monastero si trova il Museo di Architettura in Legno.

alt

Pskov è un pò più giovane di Novgorod. Negli annali è associato con il periodo del regno di Olga di Kiev, nonna di Vladimir, che ha battezzato la Russia. Sul territorio della potente fortezza di battaglia del Cremlino si trova la Cattedrale della Trinità con un'icostosta intagliata, icone venerate e reliquie di santi.

La città è famosa per i suoi antichi monasteri e templi. La vita dei mercanti è raccontata nel museo, nelle camere di Pogankin. A sud di Pskov sono situate le montagne Pushkin, dove c'era la tenuta della famiglia del poeta Aleksandr Pushkin, la Chiesa del Monastero dell'Assunta con la tomba del poeta e l'icona miracolosa della Vergine.

alt

L'antica città russa di Izborsk porta il nome di “cittá di ferro", un soprannome che ha ricevuto per essere sopravvissuta a molti assedi e per aver ripetutamente difeso Pskov e Novgorod. Qui è conservato il forte di Truvorovo e la fortezza di Izborsk. Il luogo è famoso per Slovenskje Klyuchi, un santuario ortodosso con le "chiavi dei 12 apostoli" ai piedi della collina.

Velikji Novgorod è una delle città più antiche e belle della Russia. Fondata nel IX secolo come residenza del principe Rjurik, era la città mercantile più ricca

Velikji Novgorod è una delle città più antiche e belle della Russia. Fondata nel IX secolo come residenza del principe Rjurik, era la città mercantile più ricca.

Tesori-museo dell'Europa e della Russia

Nei musei dei due capoluoghi della Russia, Mosca e San Pietroburgo, si trovano opere d' arte europea e russa uniche. Uno di questi tesori è l'Armeria a Mosca. La collezione del museo è costituita da oggetti preziosi custoditi da secoli nel tesoro reale e nella sacrestia del Patriarca, creati dai maestri del Cremlino o ricevuti in dono da ambasciatori stranieri.

Sono più di quattromila monumenti di arte applicata della Russia, dei paesi dell'Est e dell'Europa. Il più famoso è la Corona di Monomaco. Per apprendere ancora un pò di storia russa, dai tempi antichi fino agli inizi del XX secolo, si puó proseguire nel Museo Storico, che contiene più di quattro milioni e mezzo di pezzi da esposizione.

La Galleria Tretyakov è conosciuta in tutto il mondo. Fondata dal mercante e mecenate dell'arte moscovita Pavel Tretyak a metà del XIX secolo, oggi la Galleria ha una delle più grandi collezioni al mondo di arte russa. La pittura russa della seconda metà del XIX secolo è particolarmente rappresentata.

Per conoscere lo sviluppo dell'arte europea e mondiale, dal 1912 nella capitale esiste, il Museo Statale delle Belle Arti, in nome di A. S. Pushkin. Ogni anno viene visitato da circa un milione di persone.

La collezione vanta 700 000 pezzi di varie epoche, dal periodo di antiche civiltà fino all'inizio del XXI secolo. Le collezioni principali del Museo sono rappresente da tele di impressionisti francesi, opere d'arte dell'antico Egitto, così come capolavori degli antichi maestri.

alt

San Pietroburgo è famosa, soprattutto per l'Hermitage, che è tra i dieci musei più grandi e più visitati al mondo. Si suddivide in cinque edifici, le mostre sono presentate in quattrocento sale, la collezione si compone di circa tre milioni di opere d'arte e monumenti appartenti al patrimonio culturale mondiale. Il museo presenta una retrospettiva completa dell'arte mondiale, dall'età della pietra alla fine del XX secolo.

La famosa galleria d'arte popolare "Starje Mastera", il Rinascimento Fiorentino, alla scuola bolognese, le opere di Rubens e Tiepolo, Poussin e Van Dyck, il classicismo francese, lo stile rococò. Le scuole spagnole e inglese sono ampiamente rappresentate. Tele di vecchia pittura europea rappresentano le perle della collezione: Leonardo da Vinci ("Madonna Litta" ) Giorgione (“Giuditta”), Correggio, Tiziano, Caravaggio, Rembrandt (Il ritorno del figliol prodigo), Gainsborough.

Un altro centro culturale della capitale settentrionale è il Museo Russo, il più grande museo dell'arte russa del mondo. Fondato nel XIX secolo, è ospitato negli edifici-monumenti dell'architettura del XVIII-XIX secolo: I Mikhailovsky, Stroganov, i Palazzi di marmo e nel castello di Mikhailovsky.

La collezione si basa su oggetti e opere d'arte provenienti dal Palazzo d'Inverno, dalla Gatchina, dai Palazzi Alexander, dall'Ermitage, dall'Accademia delle Arti e collezioni private. Della raccolta, che copre tutti i periodi storici e le tendenze nello sviluppo dell'arte russa dal XI al XXI secolo, fanno parte circa 400.000 pezzi.

alt

Fondata dal mercante e mecenate dell'arte moscovita Pavel Tretyakov a metà del XIX secolo, oggi la Galleria Tretyakovskaya vanta una delle più grandi collezioni di arte russa al mondo

Articoli

Da Kaliningrad alla Chukotka: i luoghi più belli in Russia

Da Kaliningrad all'Estremo Oriente ci sono dieci mila chilometri. Che cosa vale la pena vedere durante il viaggio? Cerchiamo di capirlo.

Mosca e San Pietroburgo: due capitali

Ogni anno decine di milioni di turisti visitano la Russia. Queste due città, situate nella parte europea del Paese, tacitamente competono per il titolo di capitale della Russia.

Teatro, opera e libri: Sulle tracce dell'eredità culturale Russa

Con un viaggio in Russia, avrete la possibilità di conoscere l'ereditá del nostro genio artistico nazionale.

L'Anello D'Oro Russo: Il fascino delle città antiche

L'anello d'Oro è un rinomato percorso che attraversa le più antiche città Russe. Proprio in questi luoghi è iniziata la storia Russa.

Da Kaliningrad alla Chukotka: i luoghi più belli in Russia

Da Kaliningrad all'Estremo Oriente ci sono dieci mila chilometri. Che cosa vale la pena vedere durante il viaggio? Cerchiamo di capirlo.

Mosca e San Pietroburgo: due capitali

Ogni anno decine di milioni di turisti visitano la Russia. Queste due città, situate nella parte europea del Paese, tacitamente competono per il titolo di capitale della Russia.

Teatro, opera e libri: Sulle tracce dell'eredità culturale Russa

Con un viaggio in Russia, avrete la possibilità di conoscere l'ereditá del nostro genio artistico nazionale.

L'Anello D'Oro Russo: Il fascino delle città antiche

L'anello d'Oro è un rinomato percorso che attraversa le più antiche città Russe. Proprio in questi luoghi è iniziata la storia Russa.

Russia.Travel

Visita la Russia!